I martiri della libertà italiana dal 1794 al 1848, Հատոր 1

Գրքի շապիկի երեսը
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Ընտրյալ էջեր

Այլ խմբագրություններ - View all

Common terms and phrases

Սիրված հատվածներ

Էջ 231 - E se il mondo sapesse il cuor ch'egli ebbe Mendicando sua vita a frusto a frusto, Assai lo loda, e più lo loderebbe.
Էջ 3 - L'han giurato : altri forti a quel giuro Rispondean da fraterne contrade, Affilando nell'ombra le spade Che or levate scintillano al sol. Già le destre hanno strette le destre; Già le sacre parole son porte : O compagni sul letto di morte, O fratelli su libero suoi.
Էջ 4 - Stretti intorno a' tuoi santi colori, Forti, armati de' propri dolori, I tuoi figli son sorti a pugnar. Oggi, o forti, sui volti baleni Il furor delle menti segrete: Per l'Italia si pugna, vincete! Il suo fato sui brandi vi sta. O risorta per voi la vedremo Al convito de' popoli assisa, O più serva, più vii, più derisa • Sotto l'orrida verga starà.
Էջ 4 - Al convito de' popoli assisa, O più serva, più vii, più derisa • Sotto l'orrida verga starà. Oh giornate del nostro riscatto! Oh dolente per sempre colui Che da lunge, dal labbro d'altrui, Come un uomo straniero, le udrà! Che a...
Էջ 145 - ... legittima, perché necessaria. Ed ora voi, ministro di quel re, parlate a noi di leggi, di giustizia, di fede? Quali leggi? quelle emanate dopo le azioni! Quale giustizia? il processo secreto, la .nessuna difesa, le sentenze arbitrarie! E qual fede? la mancata nelle capitolazioni dei castelli ! Vergognate di profanare i nomi sacri della civiltà al servizio più infame della tirannide. Dite che i principi vogliono sangue, e che voi di sangue li saziate; non vi date il fastidio dei processi e...
Էջ 61 - Tonelli ed Arese la pena di morte, e di commutarla nella pena del carcere duro, da espiarsi da tutti nella fortezza di Spielberg, in quanto a Confalonieri...
Էջ 68 - Tali asprissime leggi dettava il re quando al terzo giorno dopo l' arrivo scoprì da lunge un viluppo che le onde spingevano verso il vascello; e fissando in esso vide un cadavere, tutto il fianco fuori dell'acqua, ed a viso alzato, con chiome sparse e stillanti, andare a lui quasi minaccioso e veloce; quindi, meglio intendendo lo sguardo, conosciute le misere spoglie, il re disse, Caracciolo! E volgendosi inorridito, chiese in confuso: u ma che vuole quel morto? » Al che nell'universale sbalordimento...
Էջ 121 - Questo, disse, non e per me luogo di dolore, ma di gloria: qui sorgeranno i marmi ricordevoli dell' uomo giusto e saggio : pensa, o popolo, che la tirannide ti fa ora velo agli occhi e inganno al giudizio: ella ti fa gridar — viva il male, muoia il bene — : ma tempo verrà in cui le disgrazie ti renderan la mente sana; allora conoscerai quali siano i tuoi amici, quali i tuoi nemici. Sappi ancora...
Էջ 142 - Resistere insieme e alla ragione e alla coscienza e alle generose esortazioni che, con tanta pazienza, si aveva la bontà di farmi; compiere il terribile sforzo di mostrarmi imperterrito, negando così a lungo il vero, fu un tal travaglio di mente e di fibre che ho creduto di restarne convulso per tutta la vita.
Էջ 260 - E de' lor petti il torbido talento, Senza riposo errando. Altri del mare Valica le tempeste, altri de' fiumi Va giù sulle correnti; e chi le selve Traversa a gran giornate, e seco i figli Rapisce e la pia donna; e chi s

Բիբլիոգրաֆիական տվյալներ